NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Lectures

I tumori delle vie biliari sono un gruppo di patologie rare, storicamente note per essere a cattiva prognosi e difficili da approcciare dal punto di vista sia diagnostico sia terapeutico.

FLT3 è un bersaglio farmacologico importante nella leucemia mieloide acuta (AML) a causa dell'elevata incidenza di mutazioni associate ad attivazione di proliferazione ed esito infausto.

Il trattamento della leucemia mieloide cronica è radicalmente cambiato negli ultimi venti anni grazie all’introduzione degli inibitori tirosin-chinasici (TKI). Nuove strategie terapeutiche e nuovi endpoint sono attualmente le novità in questa patologia.

Oggigiorno nell’ambito dei linfomi diffusi a grandi cellule ricaduti/refrattari c’è un grande fermento relativamente ad approcci terapeutici innovativi e nuove molecole.

Negli ultimi sei anni abbiamo assistito a una rivoluzione culturale nell’ambito del trattamento della leucemia linfatica cronica. In realtà il cambiamento è iniziato un po’ prima, alla fine degli anni ’90, con l’acquisizione di conoscenze biologiche sulla malattia che hanno permesso di comprendere le caratteristiche di reduplicazione della cellula leucemica. Da quelle informazioni, con un lavoro di biologia ingegneristica, si è giunti alla formulazione di molecole mirate a interferire su singoli meccanismi della catena che sostengono la crescita della popolazione neoplastica.

Il NSCLC in stadio III inoperabile si configura come lo scenario tipico di integrazione tra le varie strategie terapeutiche oncologiche. Certamente il trattamento combinato di chemioterapia con doppietta contenente platino e radioterapia toracica rappresenta l’approccio di scelta.

Le sindromi mielodisplastiche con sideroblasti ad anello (MDS-SA) sono neoplasie mieloidi con caratteristiche morfologiche (presenza di sideroblasti ad anello) e biologiche (mutazione SF3B1) ben distinte e la maggior parte dei pazienti con MDS-SA rientra nella categoria IPSS e R-IPSS a più basso rischio, presentando un outcome più favorevole.

In questa presentazione vengono riassunte le principali evidenze scientifiche riguardanti la terapia del linfoma di Hodgkin classico in prima linea (stadio limitato e stadio avanzato), del linfoma di Hodgkin classico recidivato/refrattario e del linfoma di Hodgkin classico nell’anziano, con particolare riferimento agli standard terapeutici e ai nuovi farmaci disponibili.

In questa pubblicazione vengono illustrate le prospettive di trattamento adiuvante e neoadiuvante per le neoplasie mammarie HER2-positive.

Negli ultimi 10 anni abbiamo assistito a una rivoluzione copernicana nel trattamento del carcinoma ovarico avanzato e, grazie all’introduzione di farmaci biologici quali anti-angiogenetici e PARP-inibitori (PARP-i), la sopravvivenza a 5 anni delle pazienti con stadi avanzati è aumentata al 50%.

Pagina 1 di 5

Accesso Utenti

Inserisci i tuoi dati di accesso. Se non li possiedi premi su "Registrati" per iniziare la procedura di creazione account.

Crea la tua presentazione

Entra nell'ambiente My Key slides e segui le istruzioni per costruire una tua presentazione Powerpoint™ utilizzando le diapositive di tutti i numeri disponibili di Key slides in oncologia.

Entra in My Key slides

Accesso Utenti

Inserisci i tuoi dati di accesso. Se non li possiedi premi su "Registrati" per iniziare la procedura di creazione account. Attenzione: se sei già registrato in uno dei servizi on line di AccMed (www, FAD, ASKit, KeyTrials, KeyPapers, ASAP, …) puoi utilizzare i dati di accesso già in tuo possesso.